Info

Dove siamo e contatti

L’Ecomuseo della Valle dei Laghi ha la sua sede a Vezzano in Via Roma, 61/1, 38096 Vallelaghi TN

Orario di apertura al pubblico: lunedì dalle 15.00 alle 18.00.

Tel. 333 536 0188

info@ecomuseovalledeilaghi.it - archiviomemoria@ecomuseovalledeilaghi.it

La nascita del portale

L’Archivio della Memoria della Valle dei Laghi è nato nel 2019 per iniziativa dell’Ecomuseo della Valle dei Laghi in sinergia con enti, associazioni e privati allo scopo di raccogliere in formato digitale, catalogare, conservare, diffondere e valorizzare ogni tipo di bene culturale relativo al passato della Valle.

Nel 2019 è stato chiesto ed ottenuto finanziamento sul PSR 2014-2020: MISURA 19 “SOSTEGNO ALLO SVILUPPO LOCALE LEADER” “Iniziativa realizzata con il cofinanziamento del FEASR (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale) e con Fondi Statali e Provinciali – L’Europa investe nelle zone rurali” e dalla Comunità della Valle  dei Laghi.

Sono stati presi i primi contatti con il territorio, si sono fatti i primi interventi nelle scuole col progetto memoria, è stata abbozzata la struttura del portale e acquistata la strumentazione di base, si è organizzato un corso di quattro serate aperto a tutti e finalizzato a far conoscere il progetto, dare una formazione di base comune ai collaboratori del portale, raccogliere pareri e suggerimenti per il miglioramento del portale.

Dal gennaio 2020 è iniziata l’attività vera e propria con l’inserimento dati e la promozione del portale.

Le idee alla base di questo progetto

L’idea che sta alla base di questo progetto è che la disponibilità di fonti storiche facilmente accessibili e di libero utilizzo favorisca la diffusione della ricerca locale, lasci più tempo a disposizione di ricercatori e universitari per dedicarsi all'approfondimento dei temi di loro interesse, incentivi ulteriori ricerche, offra spunti anche a non professionisti e scolaresche, permetta l’accesso anche ai curiosi, incoraggi il recupero dei ricordi negli anziani, rafforzi un sentimento di identità di valle.

Si predilige la messa a disposizione libera e gratuita dei contenuti citando la fonte (licenza CC-BY).

Il portale è stato realizzato con Omeka, un sistema di gestione contenuti open source concepito per soddisfare i bisogni di archivi digitali. Un manuale di istruzioni, pensato per accompagnare i compilatori delle schede, è pubblico e a sua volta diffuso con licenza Creative Commons. Il manuale include anche una sezione in cui vengono esplicitate le riflessioni che hanno determinato la scelta di questa piattaforma e di specifiche tipologie di metadata. Come dettagliato nel manuale, i campi utilizzati da Ecomuseo per descrivere i contenuti presenti nell’archivio sono associati a classificazioni standard internazionali, facilitandone così la reperibilità ed eventuale integrazione con altre realtà archivistiche. I contenuti dell’Archivio della Memoria sono infatti disponibili anche attraverso API, rendendoli così direttamente accessibili in forma programmatica.

Trattamento dei dati

Ecomuseo si impegna a rispettare le Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica pubblicate il 19 dicembre 2018 secondo le disposizioni del Garante per la protezione dei dati personali. 

Chi consegna materiali di qualsiasi genere ad Ecomuseo per la successiva scansione o fotografia autorizza la loro pubblicazione con le informazioni che dà, ad eccezione dei dati relativi ai loro contatti (indirizzo, telefono, mail) che vengono archiviati da Ecomuseo e sono visibili solo ai responsabili dell’Archivio della memoria.

L'invio di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.

Durante la navigazione del portale non vengono raccolti dati personali, neppure anonimi o a fini statistici.

Modulistica


Esplora tramite mappa
Visita il sito di Ecomuseo
Informazioni
Collabora anche tu