Lavorazione artigianale delle barbatelle

Contenuto

Titolo
Lavorazione artigianale delle barbatelle - la pulizia
Data della scansione
8 febbraio 2021
Titolo
Lavorazione artigianale delle barbatelle - l'impianto
Data della scansione
8 febbraio 2021
Titolo
Lavorazione artigianale delle barbatelle - potatura delle radici
Data della scansione
8 febbraio 2021
Titolo
Lavorazione artigianale delle barbatelle
Descrizione
Queste foto dimostrano come anche in tempi recenti a Padergnone si lavoravano a mano le barbatelle ossia le talee della vite ( "calmi" nel dialetto locale). Se il lavoro in campagna era solitamente prerogativa degli uomini, le fasi da svolgere "in casa" erano di competenza delle donne.
In inverno gli uomini si occupavano della potatura delle viti; i tralci ("sarmentèi") venivano tagliati in pezzi di circa 40 cm, privati delle gemme e conservati in locali umidi.
In febbraio-marzo erano le donne ad innestare ("calmar") per mezzo di appositi coltelli i tralci nel portainnesto.
Gli innesti venivano poi sistemati in casse, coperti da segature, e posizionati in stanzoni riscaldati con fornelli a segatura, dove stavano per circa 40 giorni nei quali spuntavano radici e foglioline.
Nella prima foto, del maggio 1988, vediamo Agnese Pedrini impegnata nel ("descasar") ripulire dalle segature gli innesti, dietro vediamo le casse impilate. Nella seconda foto, fatta nello stesso momento, vediamo la sorella Anna che pianta gli innesti anche se questo era un lavoro solitamente maschile. Mentre in origine questi impianti venivano fatti sul limitare dei boschi di Padergnone, in quegli anni, in cui la produzione era già cresciuta, lo si faceva nelle campagne di Riva del Garda dove c'erano ampi spazi, ora si va nel Veronese.
Le piantine dovevano poi essere curate fino all'autunno quando gli uomini le estirpavano facendo attenzione a non danneggiare le radici e le portavano a casa.
Toccava poi alle donne selezionarle e legarle in mazzi da 25 pronti per la vendita che avveniva soprattutto in autunno-primavera. Quelle invendute, come vediamo nella terza foto dell'aprile 1993, venivano di nuovo selezionate, gli si tagliavano le radici e si ripiantavano insieme ai nuovi innesti, erano i cosiddetti "rimessi".
Ora il lavoro viene svolto con l'ausilio di macchine, in serre; è tutto programmato in base alle richieste, più o meno sanno già le quantità e le qualità da preparare un anno per l'altro.
Tipologia
Fotografia privata
Data
maggio 1988
aprile 1993
Licenza
CC BY
Livello di precisione della collocazione geografica
Collocazione generica in riferimento al paese
Collezione